Orzo con pesto di pomodori secchi e mandorle

Orzo con pesto di pomodori secchi e mandorle

Decidere cosa portare da mangiare nella pausa pranzo a lavoro è sempre difficile. Almeno per me. Quando si tratta di preparare il “baracchino” come lo chiamiamo qui in Piemonte, mi assalgono i dubbi.

Ogni tanto però per fortuna arriva qualche lampo di genio e ecco che nascono piattini come questo: orzo al pesto di pomodori secchi e mandorle.

Ragazzi non potete capire il sapore! Una meraviglia! E poi si prepara in un attimo! L’orzo (o farro, insomma il cereale che più ti piace) si può mettere a bollire dopo cena e il pesto si prepara in 3 minuti d’orologio!

Se ne fate una quantità maggiore si conserva perfettamente in frigo per un paio di giorni senza problemi! Si può mangiare caldo, freddo, tiepido… insomma una ricetta super flessibile che dovete assolutamente provare!

E voi? Siete una continua fonte di idee per il “baracchino”, o fate difficoltà come me?

Orzo con pesto di pomodori secchi e mandorle

 

 

Preparazione:

 

 

– In una pentola fai cuocere l’orzo in acqua leggermente salata seguendo le istruzioni sulla confezione. Normalmente comunque le proporzioni orzo e acqua sono 1 parte di orzo per 2,5 parti di acqua.

 

 

– Nel frattempo prepara il pesto mettendo in un frullatore le mandorle, i pomodori secchi, una spolverata di origano, 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva e 4 cucchiai di acqua. Frulla il tutto.

 

 

– Quando l’acqua dell’orzo si sarà completamente asciugata allora sarà pronto.

 

 

– Aggiungi il pesto e mescola bene.

 

 

L’elefante consiglia: Questo piatto, già così condito si conserva bene in frigo 2 giorni.

 

 

Enjoy!